Italy

LE ULTIME NOTIZIE
LATEST NEWS
Judiciary Reform begins in
Italy
After years of vitriolic battles, the reform of the justice system seems, finally, to have past the starting line.
With a vote of 314 to 296, the Italian House, at 8:30 pm, after days of  bitter political battles in the media and even on the streets, did pass Article 3 ofthe new law, introducing a “short prescription” for some limited trials. This  may also help people like Amanda Knox, a 21 year old American girl being convicted and now held in prison by (at least) very “circumstantial” evidence.
The Italian Justice system is one of the most archaic and slow (lethargic would be a better word, 10-15 years for resolution of a trial are the norm !) in all of Europe. So much so that the European Union has fined Italy hundreds of times (for a total of over 120 million Euros, approximately US $ 170 million) for its tardiness. Of course the left, socialists and former communists, claims that the law favors Prime Minister Mr. Silvio Berlusconi, and its ongoing fights in Italian Courts. The truth can be read, loud and clear, in the great popular support that both the PM and his party, PDL (People for Freedom), continue toregister, year after year. Unfortunately most of the international media, and some foreign reporters continue to repeat the distorted view of the extreme left. The Italian communist party changed name, to become, at first the DS (Democrats of the Left), and now the PD (Democratic Party), but when you go to all of their rallies you find the old red flags, most with the hammer and sickle. Mr. D’Alema, a former PM, often defines himself as “a true Bolshevik.”
Of course in the USA we do not often hear these little gems. Northern League leader and Coalition partner Mr. Umberto Bossi declared himself “pleased.” The opposition and some judges, tied to the old system by habit and sometimes by various interests, were not so pleased. Everyone of the 630 members of the House voted, now the vote passes to the Senate where the Government has an ever stronger and secure majority.
“Finally a law that puts Italy in step with Europe.” declared PM Silvio Berlusconi. Coalition partner Sen. Umberto Bossi said: “this vote tells us that the numbers are there.” On the question on the fear of prison releases by virtue of this law, Bossi added: “they are all propaganda games, the left made this (passage of the law) a battle to the death. And lost big time.”
Cardinal Angelo Bagnasco, President of the Cei (the Bishops’ Conference), was quoted as saying that: “We need greater serenity in Italian politics. Beyond all, it is important for the country to have different, but always sharing and constructive voices. Above all we must desire the realization of the commongood.”
On Tuesday Prime Minister Berlusconi met with members of the press.
“It is a war. A real war for freedom and democracy,” Silvio Berlusconi declared repeatedly, gripping his microphone.
During a rare encounter with more than 20 foreign reporters, Italy’s first truly conservative Prime Minister might have been talking about the anti-regime rebellions sweeping the Arab world. But he was referring to his coalition’s war with the new “communists” – nearly two decades after the collapse of the Italian Communist party – particularly those judges and prosecutors he sees as bent on toppling his government illegally. Also in the USA, even if many will still find it something short of science-fiction, there are people bent on trying to control our Government, and the millions of Glenn Beck viewers know very well the sad and sordid details of those trying to use our very own laws against true patriots, Constitution defenders and fighter for all the freedoms outlined in our Declaration of Independence. Fielding questions for four hours, Mr. Berlusconi, 74, sounded like a man obsessed with preserving freedom and legality, forced (by the liberal media) to even defend the Government position regarding the illegal invasion by thousands of Libyans, Tunisians and other North African and Arab immigrants.
Also the US if facing similar challenges and together, with a genuine conservative leader and true friend of the American people like Mr. Berlusconi, we will be able to defeat the enemies of democracy, and build a better world.
Guido George Lombardi
EASTER
a nome del Segretario Generale, Arch. Roberto Mezzaroma, invio gli auguri di buona Pasqua ai quali associo i miei personali Cordialmente
Maurizio Fanelli
______________________________________________________________________
Dott. Maurizio Fanelli
Coordinatore Esecutivo
Movimento Etico per la Difesa Internazionale del Crocifisso Italy Lashes Out at European Union Over Immigrants

Antonio Martino: “Silvio torni
allo spirito del 1994″

Villa D’Este,1999

Il Giornale
La Rivoluzione del movimento spontaneo dei tea-party USA, si estendera’ in Europa.
The RevolutionBegins:

How the Tea Party Will Change Washington

Tea party-backed candidates from coast to coast were swept into office in november by a frustrated electorate demanding more limited government and delivering a resounding repudiation of President Barack Obama’s agenda. Newsmax magazine’s special report “The Revolution Begins” explores the phenomenon that has progressed from a ragtag protest movement 18 months ago to a political juggernaut that has shaken American politics to the core. What began as a simmer ended as a full boil. Now the tea party must find a way to translate electoral success into effective governance. This issue of Newsmax magazine also  contains our “2010 Heroes & Villains” feature. The heroes are those Americans who represent the best examples of philanthropy, charity, military service, business excellence, public safety, government leadership, and community service. The villains comprise a rogues’ gallery whose members range from Mahmoud Ahmadinejad and Kim Jong Il to BP’s Tony Hayward and even high-fructose corn syrup.
VIDEO :

Parigi, riprenditi i tuoi clandestini

AlQueda behind recent protests in Middle-East. Allarme: le rivolte manovrate da integralisti islamici.
Milano.
Il presidente del consiglio Silvio Berlusconi correra’ come capolista del Pdl alle prossime elezioni comunali di Milano per sostenere il bis a Palazzo Marino di Letizia Moratti. Berlusconi conferma cosi’ la consuetudine che lo ha visto
primo candidato di Forza Italia al consiglio comunale del capoluogo lombardo nel 1997, nel 2001 e nel 2006. Italy’s Minister of Education starts inquiry in the influence of Marx and comunist ideology in public schools.
Il raìs era a un passo dalla realizzazione di un arsenale bellico nucleare. Poi la svolta, annunciata al mondo nel dicembre 2003. Tony Blair disse: “Svolta storica”. A convincere Gheddafi fu Berlusconi. Lo rivela l’ex ministro della Difesa statunitense Donald Rumsfeld (VIDEO)
also
La Piccola Guida alla Cultura Islamica
Marine Le Pen a Lampedusa, è polemica
Libya: a big mistake getting bigger by the day.
The Obama administration obsession with regime change in Libya is creating more enemies for the US and its allies. Eliminating secular regimes, to favor islamists, religious fundamentalist regimes, is only weakening American and European influence in the region and in the world and further isolating Israel in a sea of fundamentalist extremist fanatics. Italy refuses to be involved in bombardments of Libyan people, collateral damage too big and certain to make a bad situation worst.

Let’s not forget that it was thanks to Italy’s PM Silvio Berlusconi that Gheddafi
DID RENOUNCE TO HIS NUCLEAR PROGRAM (and bomb).

L’80% degli immigrati non fugge dalla guerra, vuole sbarcare nell’Ue. Vanno respinti
http://www.ilgiornale.it/Care amiche, cari amici,  150 years celebration.
A NAL vogliamo testimoniare, il 17 marzo, il nostro amore per questo Paese, l’Italia, con una galleria fotografica dedicata al tricolore. Vi invitiamo quindi a spedirci delle foto all’indirizzo di posta di NAL: northatlanticleague@gmail.com
Deputati  PDL  in corteo per liberta’ di religione.
Roma, il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi con Guido George Lombardi.
‘Near-genocide
conditions’ for Iraqi Christians, archbishop says http://www.catholic-sf.org/news_select.php?newsid=2&id=58348
Ondata epocale di clandestini- Libia: oltre mille morti. Stop al flusso di gas verso l’Italia – Corte Conti, no a ddl intercettazioni “Sono uno strumento importante”Italian Islands swept by militant islamists pretending to be refugees
http://rt.com/news/italy-lampedusa-refugees-crisis/
Il Giornale
Il segreto inconfessabile: la regia di Barack Obama dietro la rivolta in Egitto
Europa cerca di tutelare le terre rare. Europe tries to restrict access to rare minerals.
RASSEGNA PARLAMENTARE
Martedì 15 febbraio l’Assemblea ha approvato le mozioni Cicu ed altri n. 1-00561 e Vernetti ed altri n. 1-00564, nonché le mozioni Tempestini ed altri n. 1-00562 e Porfidia ed altri n. 1-00563, nei rispettivi testi modificati, relative
alla definizione di un piano per il ritiro del contingente italiano in Afghanistan e respinto la mozione Di Stanislao ed altri n. 1-00530.
Il Ministro degli affari esteri Franco Frattini ha reso, a nome del Governo, una informativa urgente sugli sviluppi della situazione in alcuni paesi dell’area mediterranea. E’ seguito un breve dibattito al quale ha partecipato un oratore per gruppo.
La Camera ha quindi approvato in via definitiva il disegno di legge, già approvato dal Senato, concernente Ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica federativa del Brasile in materia di cooperazione nel settore della difesa, fatto a Roma l’11 novembre 2008 (C. 3882).
Da ultimo si è svolta la discussione generale del testo unificato delle proposte di legge Brugger e Zeller; Quartiani ed altri; Quartiani ed altri; Caparini ed altri; Quartiani ed altri; Barbieri; d’iniziativa del Consiglio regionale delle
Valle D’Aosta concernente Disposizioni in favore dei territori di montagna (C. 41C. 320C. 321C. 605C. 2007C. 2115C.2932-A)
FEDERALISMO
Parere favorevole è stato espresso il 24 marzo 2011 dalla Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale al decreto legislativo in materia di autonomia di entrata delle regioni a statuto ordinario e delle province, e determinazione dei costi e dei fabbisogni standard nel settore sanitario. Il decreto in sintesi individua le fonti di finanziamento delle regioni a statuto ordinario e dispone la contestuale soppressione dei trasferimenti statali. A decorrere dal 2013 verrà rideterminata l’addizionale regionale all’Irpef, con corrispondente riduzione delle aliquote Irpef di competenza statale, al fine di mantenere inalterato il prelievo fiscale a carico del contribuente; la rideterminazione deve comunque garantire alle regioni entrate equivalenti alla soppressione sia dei trasferimenti statali che della compartecipazione regionale all’accisa sulla benzina, entrambe disposte dallo schema in esame. All’aliquota così rideterminata si aggiungono le eventuali maggiorazioni dell’addizionale, attualmente pari all’ 0,9%, che ciascuna regione può effettuare nel limite dello 0,5% fino al 2013, dell’1,1% per il 2014 e del 2,1% dal 2015; qualora peraltro la maggiorazione sia superiore allo 0,5% la parte eccedente tale quota non si applica ai contribuenti titolari di redditi ricadenti nel primo scaglione di reddito (fino a 15.000 euro). Alle regioni spetta altresì una compartecipazione al gettito Iva, che per gli anni 2011 e 2012 viene calcolata in base alla normativa vigente, mentre dal 2013 sarà fissata in misura pari al fabbisogno sanitario “in una sola regione”. Prima di essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto deve avere l’approvazione definitiva del Consiglio dei ministri.

LIBIA
Frattini al lavoro per proteggere i nostri
connazionali
Tripoli – Situazione critica in Libia, dove la rivolta contro Gheddafi peggiora. Una squadra dell’Unità di Crisi, di rinforzo dello staff consolare e guidata dal vicario, è quindi pronta a partire per Tripoli per coadiuvare la sede diplomatica italiana nelle operazioni di rimpatrio dei connazionali i Libia (soprattutto dipendenti di Eni e Impregilo).
Secondo il ministro è già stato disposto il rientro del personale non necessario e, in caso di necessità, sarà possibile utilizzare “corridoi umanitari per eventuali assistenze mediche urgenti, ove occorresse”. Per il momento, comunque, come assicura il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, non ci sarà ancora nessun rimpatrio coatto. Altra ipotesi che la Farnesina sta valutando è quella di rafforzare le tratte aeree da e per Tripoli per favorire, in tempi quanto più rapidi possibile, il deflusso dei connazionali che abbiano manifestato, attraverso l’Ambasciata o la tessa Unità di Crisi, l’intenzione di lasciare il Paese.

Le varie rivoluzioni nei paesi islamici del medio-oriente

NON sono una coincidenza.
L Italia puo’ essere, ed in parte gia’ lo e’, il centro della diplomazia e della possibile evoluzione PACIFICA di questi conflitti. Certo e’ che il Governo Berlusconi e’ assolutamente essenziale ad una risoluzione pacifica di questi conflitti, cosi’ come lo e’ per il conflitto tra stati arabi e ISRAELE. Pochi hanno compreso, ma sempre in numero maggiore (sia in Europa che negli USA) iniziano a intuire, il ruolo importante che l’Italia, sia come stato sinonimo del Cattolicesimo mondiale, sia come centro geografico del Mediterraneo, sia come mediatore neutrale tra stati islamici e Israele, sia come simbolo, nei secoli, di influenza Mediteranea e mediorientale.
DAI FARAONI AI DISCHI VOLANTI In che cosa crediamo?
Dalle piramidi dell’antico Egitto alle imponenti terrazze sopraelevate dei templi Maya del Centro America, ogni volta che gli esseri umani hanno pensato che in qualche modo il sole fosse l’origine della vita, sono giunti a considerarlo – o a venerarlo – come l’espressione manifesta di una forza superiore, tanto da erigere monumenti al potere divino che ritenevano scaturisse dal suo calore e dalla sua luce.
Quando, agli albori della storia umana, si è capito che i piccoli semi di frumento e granturco potevano essere utilizzati per far crescere altro grano e frumento, si è giunti ad attribuire un valore ai semi e al modo per farli crescere, venerando gli dei della pioggia e della fertilità agricola. Quando gli uomini e le donne iniziarono a dare valore ai bambini e alle famiglie numerose, elaborarono riti per rendere omaggio alla fertilità femminile, e svilupparono sistemi di credenze, più o meno corretti, incentrati sui bisogni da loro percepiti e sulle loro conoscenze limitate. Non vi è alcun dubbio che il modo in cui percepiamo la realtà contribuisce a formare la valutazione della realtà stessa. Le percezioni, le convinzioni e i valori sono pertanto interconessi.
Sin dai tempi più remoti e in ogni parte del mondo, tra i vari tipi di credenze profonde, senza dubbio le più forti sono sempre state quelle relative alla fede e alla religione. Recenti sondaggi hanno mostrato che il 73% degli europei crede in Dio o in qualche entità superiore, 80% crede in una qualche forma di vita dopo la morte e il 61% sostiene che sia necessario tollerare il credo religioso di altri popoli (ammesso che anche loro siano tolleranti nei nostri confronti). Le credenze, sia quelle basate su fatti reali e sia quelle basate sulla superstizione o su informazioni incomplete o erronee (ossia credenze fondate su assunti sbagliati), esercitano un grande influsso sui nostri atteggiamenti e valori.
Ma le credenze cambiano. Quando le condizioni della vita di un gruppo cambiano, o quando sviluppi sociali, religiosi o tecnologici rimodellano il vecchio sistema di credenze, allora vediamo realizzarsi anche una modificazione dei valori comuni, una specie di «evoluzione sociale» spontanea e durevole.
Ciò in cui crediamo – la nostra visione del mondo – è spesso il sostrato su cui costruiamo il nostro sistema di credenze e di valori. Quando capiremo meglio quei fenomeni che sono stati catalogati come Ufo (oggetti volanti non identificati) cambieremo la nostra visione dell’universo. In termini generali, le nostre convinzioni più profonde ci portano a trarre conclusioni sia sulle persone e sia sulle situazioni. Visioni del mondo diverse daranno vita a sistemi di valori diversi, e quindi a comportamenti diversi. Possiamo dare la priorità al fare piuttosto che all’essere. Possiamo dare un’importanza maggiore all’individuo o alla collettività. Possiamo vedere il mondo come un luogo emozionante, stimolante, oppure pericoloso e conflittuale. Ciò che crediamo (che sia valido o no) influenzerà sempre e comunque i nostri atteggiamenti e le nostre azioni.
Alcune persone pensano che gli eventi controllino la nostra vita e che l’ambiente modelli il nostro carattere. Non è vero. Vi risparmierò la storiella dei due fratelli con il padre alcolizzato, di cui uno diventa criminale e l’altro prete; oppure quella dei due prigionieri di guerra torturati in Vietnam, di cui uno si arrese (e fu poi ucciso) e l’altro decise invece di resistere e, uno volta ritornato in patria, divenne senatore. Le credenze personali sono interpretazioni generalizzate delle nostre esperienze passate (consce e inconsce). Sono una specie di presunto fenomeno di causa-effetto basato sull’interpretazione personale degli eventi. Più si ripete l’esperienza, o più viene rafforzata dagli altri (famiglia, amici, autorità), e più si radica dentro di noi.
Siamo noi a dare un significato agli eventi e alle esperienze. Ciò che le nostre esperienze significano per noi, è ciò che plasma il nostro atteggiamento e il nostro comportamento. Credere è un atto di volontà, è una decisione conscia o inconscia che influenza i nostri valori, le nostre norme e tradizioni. A volte possiamo ripensare continuamente a un evento e a quella che ne è stata la nostra interpretazione (un incidente, una circostanza in cui siamo stati umiliati), fino al punto da esserne ossessionati. Spesso scegliamo di adottare le opinioni di altre persone che rispettiamo (familiari, amici, colleghi, medici, professori, personaggi televisivi) anche senza che si fondino su un’esperienza diretta e, a forza di sentirle, ci convinciamo della loro effettiva validità. Gli esseri umani hanno il grande dono di saper creare significati e simboli. Attribuendo un significato agli eventi, diamo loro o non diamo loro importanza e peso. Come quando Gianni dice all’amico Mario: «Vedi quella bella bionda che mi ha sorriso? Le sono simpatico». E Mario: «No, stava sorridendo a me: è mia figlia».
Tutte le credenze sono essenzialmente di tipo culturale, nel senso che possono essere apprese, possono essere il risultato di esperienze personali o possono essere trasmesse dalla famiglia, dalle tradizioni e dalla società. Proprio come possiamo distinguere tra due tipi di percezione unici (il singolo e il molteplice), possiamo anche distinguere tra due tipi di credenze di base: la prima riguarda noi stessi, come vediamo la nostra immagine, chi reputiamo di essere; la seconda riguarda l’opinione del mondo esterno, come noi vediamo gli altri. Alcuni psicologi hanno detto che la credenza più potente è il nostro senso di identità e che questo è l’ultimo filtro di tutte le nostre percezioni. I cambiamenti del modo in cui percepiamo e valutiamo noi stessi causano cambiamenti nel modo in cui percepiamo e valutiamo gli altri; tutto ciò spesso ci porta a cambiare il nostro sistema di valori e il nostro comportamento. Facciamo scelte e agiamo in funzione di ciò che siamo e di come vediamo noi stessi. Queste credenze interiori (consce e inconsce) sono molto importanti perché sono quelle che usiamo per definire la nostra individualità, la quale ci rende unici e differenti dagli altri. Questa certezza di chi siamo (questa fede, se vogliamo), di che cosa possiamo o non possiamo fare, segna di frequente i confini del nostro comportamento. Gli atleti azzurri che salgono sul podio olimpico sono tutti molto sicuri di se stessi e delle proprie capacità atletiche. Nei marines americani e nelle forze speciali di molti paesi l’addestramento è equamente diviso fra addestramento fisico e addestramento della psiche.
Proprio come gli antichi romani (in particolare i cosiddetti stoici, che seguivano una rigida disciplina del corpo e della mente), molti – da coloro che praticano le arti marziali ai frati di clausura e agli sportivi professionisti, hanno imparato a disciplinare la propria mente e le proprie emozioni, al fine di controllare meglio il proprio corpo e superarne i limiti.
Più volte ci è stato detto, e la scienza lo ha dimostrato, che il potenziale umano è molto più grande di quello che effettivamente usiamo, e che molto del potenziale che usiamo dipende dal concetto che abbiamo di noi stessi, ossia dalla nostra auto-identità. Le azioni sono la conseguenza delle credenze e dei valori, e la maggior parte delle persone (spinta dal bisogno di armonia e coerenza, tipico della parte razionale del nostro cervello) si comporta secondo la visione che ha di sé, giusta o errata che sia.
Le convinzioni su se stessi sono primarie, nel senso che influenzano le idee che abbiamo degli altri e il rapporto che stabiliamo con il mondo. Ma non sempre. A volte, ciò che pensiamo degli altri, e come essi si comportano nei nostri riguardi, può determinare il giudizio che diamo a noi stessi. Un allenatore troppo esigente, un padre troppo severo, una madre troppo ossessiva possono distruggere gli animi di quei giovani che li stimano più del dovuto. Solo dopo aver formato una stabile auto-identità di base (in genere, dopo l’adolescenza) riusciamo a comprendere chi siamo, chi sono gli altri e come e che cosa scegliere. Cominciamo allora a formulare i nostri valori. Adottiamo, oppure rifiutiamo, opinioni altrui, e rinsaldiamo o ricusiamo regole e tradizioni. Infine, giungiamo a stabilire se una cosa è giusta, sbagliata o indifferente. Ovviamente, il bambino che giudica positivamente il latte materno e negativamente le sculacciate del dottore salta alcuni di questi stadi e lascia che la valutazione la operino i bisogni e l’intuizione.
Applicando le categorie binarie alle scienze comportamentali, arriviamo a una conclusione altrettanto importante. Come i cambiamenti nella percezione di sé (nell’auto-identità di un individuo) portano a cambiamenti nel proprio sistema di valori (e di conseguenza nel proprio comportamento), così i cambiamenti nell’auto-identità di un gruppo portano a modificazioni profonde nel comportamento nei confronti della propria e delle altre comunità. In Italia la Lega Nord ha avuto l’enorme merito di rinvigorire le identità etniche delle comunità locali. E come una comunità di persone cambia la percezione della propria identità e sviluppa nuove convinzioni relativamente all’auto-identità e all’immagine che ha del proprio rapporto con gli altri (l’Iran prima e dopo lo scià, la Jugoslavia prima e dopo Milošević), così i suoi valori rifletteranno il passaggio alla nuova identità, trasformando progressivamente il suo comportamento nei confronti di altre comunità.
In conclusione, ci sono poche forze più potenti e maggiormente capaci di plasmare il comportamento umano dell’auto-identità, sia essa individuale o relativa alla collettività con la quale si identifica l’individuo. Un consiglio: esercitarvi a usare tale strumento (migliorare la vostra auto-identità) per modificare il vostro comportamento e il vostro destino.
Qualcuno potrebbe domandare: come posso cambiare me stesso se non ho mai avuto certe esperienze positive? La risposta è che l’auto-identità non si limita alla nostra esperienza. Semmai, è l’interpretazione che noi diamo alle nostre esperienze a limitare la percezione di chi siamo. Alberto Sordi era un grande maestro nel trasformare una situazione vergognosa in una situazione vincente. Sordi, nei panni di quel romano che cercava sempre di arrangiarsi, riusciva a trovare e a dare un significato positivo anche alle azioni più deplorevoli. In tanti film, Sordi, dandosi delle arie, esasperando se stesso, creava un’energia che gli permetteva di combinare cose che altrimenti (quando era depresso e debole) non sarebbe riuscito a fare. Quando il personaggio di Guido, nel film di Benigni La Vita è bella, marcia verso la morte con un sorriso, lo fa per suo figlio, e trova la forza di agire in modo normale e allegro pur trovandosi in un ambiente infernale.
La nostra identità è determinata in gran parte dalle decisioni che prendiamo in merito a chi siamo e a chi vogliamo essere, e dalle etichette con cui decidiamo di identificarci. Questo definisce anche il nostro modo di vivere. In conclusione, possiamo trovare una risposta in linea con il nostro approccio relazionale. Possiamo dire che l’auto-identità è il prodotto di due elementi complementari e interrelati: il senso innato di sé derivato dal nostro patrimonio genetico (l’«uno»); e la totalità delle esperienze consce e inconsce (il «molteplice») e quella che ne è la nostra interpretazione, del tutto unica e personale.

POPE
BENEDICT XVI and AL QUEDA
A
Preview of Coming Events
Rome July 2008.
“Faith, it’s very simple.” This phrase was the essence of the speech that Pope Benedict XVI gave on September 12th at the University of Regensburg, in Germany. The title of the speech was “Faith, Reason, and the University; Memories and Reflections.” The speech was meant to stress the need for sound reason, even in the context of faith. Quoting directly from the speech, the Pope said:
“I was reminded of all this recently (the need for reason in religious debate) when I did read part of a dialogue by the erudite Byzantine Emperor Paleologus and an educated Persian on the subject of Christianity and Islam. The emperor, after having expressed himself forcefully, goes on to explain in detail why spreading the faith through violence is something unreasonable. Violence is incompatible with the nature of God and the nature of the soul. God continues the emperor, is not pleased by blood, and not acting reasonably is contrary to God’s nature. Faith is born of the soul, not the body. Whoever will lead someone to faith needs the ability to speak well and to reason properly, without violence and
threats.” The intention of the pontiff here is not one of negative criticism, but clearly that of stressing the need for reason and its’ application in matters of faith. Further in the speech, the Pope clearly expressed that we become capable of that genuine dialogue between cultures and religions only when we use the common ground of reason and common-sense.
The Islamic fundamentalist’s response was, as usual, extreme. In Cairo, Egypt, an Al Qaeda- linked extremist group warned Pope Benedict XVI that he and the West were “doomed.” Other Al Qaeda organizations such as the Shura Counsel, a Sunni extremist group, issued a statement on the Web, vowing to “continue its Holy War against the Crusaders and the West.” In Kashmir, the head of a hard-line Muslim group forced shops, businesses, and schools to shut down. Churches were burned, a nun was killed, protestors rallied across Pakistan, Syria, and even in China top officials criticized the Pope and misrepresented his speech. Fire bombs were thrown against seven churches in the West Bank in the Gaza Strip. Christian Lebanese expressed their fear after mass in one of the few churches in Beirut.
Of course, all these violent actions underlined the correctness of the statement that the Pope read at the University, expressing the concern that so many Muslims approve of violence as a mean to further their religion.
Was all the fuss part of the usual media circus? Or was it a communication gap on the part of the Vatican? This was definitely a hot-potato for the new Secretary of State of the Vatican, Monsignor Tarcisio Bertone, just sworn in on September 15th. What’s important is that the day before the dreaded speech, on September 11th the Pope celebrated a special mass in which he declared that; “The true vengeance of God is the Cross.” The primary message of Christianity is “no” to violence and “love for fellow men and women till the ultimate self-sacrifice.” Concerning the statement of Benedict XVI, the Italian theologian, Vito Mancuso, professor at the University of St. Rafael in Milan, Italy, said: “The words that the Pope said concerning the logos and reason as an intrinsic heredity of the Christian Church are not only true, but were cause for a profound joy in my heart. Christianity knows that God is love.” This is not a conflict between religions, but is a different view on how to relate and express one’s own worldviews. In the West,we may agree to disagree and we may use strong words to try to defend our positions, but we do not resolve to violence. A few extremists, starting with Osama Bin Laden and all his followers, have decided to try to impose their views of the world, and their sick brand of fanatic pseudo-religion using force, intimidation, fear, and random killing of innocents (terror).
On Sunday, September 10th, in Munich, Germany, the Pope said; “The West is becoming deaf to the call of God and this is frightening to all other religions. Pope Ratzinger wrote 14 speeches during his visit in Germany and prior to September 12th. The common thread was “The spiritual rebirth of the West, so that the modern world will return to a deeper relationship with God.”
Cardinal Christof Schoenborn, Archbishop of Vienna and former student of the Pope wrote: “This was the main objective chosen by the Pope.”
The Pope was one of the top theologians in the Catholic Church for the last 30 years and the closest person to Pope John Paul II. All the speeches prior to September 12th, and Pope Benedict XVI prior writings on theological matters, clearly indicate that his concern is the radical, materialistic rationalism of Western society, particularly in the U.S. and Europe. In all his speeches, the Pope tries to stress the fact that the Bible, both the New as well as the Old Testament, are extremely rational and supportive of common-sense and logic. The problem in our materialistic society is our inability to marry successfully rationality and faith, logic and soul, scientific and spiritual pursuit. If I understand the sense of what Pope Ratzinger is trying to say is that we need a new revolutionary approach to our faith, one that is more rational and more suited to our fast-paced world. But,among all the violence that is surrounding our world, the future is bright because every day we see more and more leaders searching for peaceful answers, young people trying to restore the balance of nature that we and our fathers have left so vulnerable, untold masses traveling freely, with trains, plains, or with television sets and internet screens, from nation to nation, sharing their cultures, their experiences, and their hearts. The future is multicolored and bright indeed.
Dr. Guido George Lombardi

LA CROCE DEL TERZO MILLENNIO
Roma, Agosto 2009.
Il significato della Croce nel terzo millennio sara’ diverso dalle interpretazioni del ventesimo secolo, non perche’ siano cambiate la Croce, Cristo o le dottrine della chiesa, ma perche’ siamo cambiati noi, i nostri fratelli e sorelle, i nostri figli, la societa’ e l’ambiente. Dopo gli eventi politico-sociali dell’ultimo decennio, iniziati a livello mondiale con il crollo del muro di Berlino e con la distruzione del World Trade Center, le torri gemelle a New York l’undici settembre 2001, e la conseguente radicalizzazione di gruppi mussulmani in molti paesi, la politica mondiale ha subito un brusco cambiamento.Dopo la crisi finanziaria mondiale del 2008 le economie regionali e nazionali stanno subendo profonde trasformazioni.
Oggi, gli attacchi mediatici contro il Vaticano e l’assalto, nei tribunali di molti paesi, da parte di gruppi intenti a minare la fiducia del popolo nelle istituzioni religiose e nei suoi rappresentanti costituiscono un fronte che deve essere difeso a tutti i costi.
E’ venuta l’ora di togliere i chiodi che tengono inchiodato Gesu’ Cristo alla croce. E’ ora di liberare il Signore da vincoli e catene di ferro che noi stessi abbiamo forgiato con le nostre debolezze. Dobbiamo scardinare dalla Croce i cunei che la nostra indifferenza e i nostri timori ci hanno impedito di fermare. In pratica dobbiamo chiamare a raccolta tutto il popolo dei fedeli, e non solo Cattolici, ma tutti coloro legati a Cristo e alla tradizione Giudaica da cui esso proviene. E’ necessario ricreare un legame forte tra tutti coloro che fanno parte integrale della tradizione e della civilta’ Giudeo-Cristiana, Cattolici, Ortodossi, Ebrei. Un attacco ad uno e’ un attacco a tutti. Dobbiamo essere piu’ uniti e piu’ consci della realta’ internazionale e dei suoi attori.
Siamo pervenuti ad un’altra fase cruciale della trasformazione politica, economica e sociale non solo in Italia, ma nel mondo.
Osservando la politica italiana, negli ultimi anni il modello bipartisan ha sicuramente mostrato alcuni aspetti positivi ma il forte individualismo e la creativita’ che contraddistisngue il popolo italiano ha anche creato correnti e divisioni. Oggi il proliferare di liste civiche, di movimenti e di associazioni riflette la necessita’ di una parte dell’elettorato di dar voce ai propri bisogni e alle esigenze inascoltate di segmenti, anche importanti, della popolazione e dei territori, tramite un messaggio politico e obiettivi programmatici mirati e specifici. Questi bisogni, questi desideri di essere ascoltati, di essere trattati con rispetto e con comprensione non si limitano all’ambito della politica, ma sono ancor piu’ evidenti nell’ambito religioso.
Non possiamo permettere che il ladro crocifisso alla sinistra di Gesu’ continui a spargere le sue calunnie, dobbiamo invece rispondere, nei media e tramite i nostri rappresentanti, come rispose il ladro crocifisso a destra di Gesu’, che disse: “Perche’ inveisci contro quest’uomo, e’ innocente. Noi ci meritiamo la pena che ci affligge, ma lui non ha fatto nulla di male.”
E’ venuta l’ora di parlare, di farci sentire a difesa della Croce e di cio’ che rappresenta, a difesa della civilta’ occidentale e dei valori, della tradizione Giudeo-Cristiana, a difesa della Bibbia, delle parole di vita con cui ci identifichiamo.
Questo incontro, speriamo il primo di molti, vuole iniziare un dialogo con queste numerose realta’.
E’ fondamentale che l’azione sociale, ma anche politica, di nuovi movimenti religiosi, sociali e politici si proponga di restaurare il rapporto tra il popolo e i suoi interlocutori; restaurare la fiducia, la credibilità, la responsabilità, la trasparenza della Chiesa e della politica, proponendo finalmente non solo nuove interpretazioni per le nuove esigenze, ma un modo aperto, un sistema piu’ interattivo con la gente, un sistema che apra una porta alla grande diversita’di realta’ locali, una confederazione che condivida ideali, valori, tradizioni e le fondamenta di un programma comune.
Dott. Guido George Lombardi
LA SICUREZZA INTERNAZIONALE
E IL NUOVO CONCETTO
STRATEGICO DELLA NATO By: Ten. Col. GERARDO CERVORE
Ministro della Difesa http://www.specchioeconomico.com/
Bitonci: “Vinta la battaglia della Lega Nord contro la Moschea di Grantorto”
Moschea, la resa dei musulmani, una raccolta firme contro il luogo di preghiera e troppe polemiche: dietrofront della comunità islamica.
GRANTORTO(Padova)- «Pericolo» moschea scongiurato a Grantorto, nel Padovano. Tanto hanno potuto le boutade del sindaco Sergio Acqua, la mobilitazione di sindaci e esponenti politici dei Comuni vicini, la raccolta firme contro il luogo di preghiera (1.200 quelle impilate una sull’altra in poche ore), le pagine dei giornali e i servizi televisivi. Così, un fine settimana di riflessione ha convinto Abderrahim Benabid che era meglio cambiare aria. Il presidente dell’associazione culturale che aveva visto nel complesso sorto alle spalle del Municipio un futuro luogo di preghiera islamico lunedì mattina ha incontrato il sindaco Acqua. Un incontro cordiale e rispettoso, durante il quale ha messo al corrente il primo cittadino della sua decisione di abbandonare completamente la trattativa che aveva iniziato da alcune settimane con i proprietari dell’immobile. «E se trovassi qualche altro spazio, ma sempre qui a Grantorto?». Ci ha provato, prima di uscire dall’ufficio del sindaco. Ma niente da fare. «A Grantorto no – ha spiegato Acqua – ormai è troppo tardi, avresti dovuto venire da me prima di iniziare una trattativa privata. Ora non si può più tornare indietro». Nessun rancore, nessun attrito tra il sindaco e Benabid, presidente dell’associazione «La Fede». Qualche attrito c’è piuttosto tra l’associazione e il sindaco di Cittadella, nonché parlamentare della Lega Nord, Massimo Bitonci che non ci ha messo molto a buttarsi a capofitto in questa polemica. «Non c’entriamo nulla con le dichiarazioni del sindaco di Cittadella – spiega Benabid in riferimento ad una sorta di intolleranza tipica dell’islam citata da Bitonci – per noi la discriminazione non esiste e se la guardia di finanza viene a fare un controllo mi fa piacere così potremo dimostrare in che condizioni ci troviamo e chiedere eventualmente un finanziamento». Ma, manco a dirlo, Bitonci tira dritto per la sua strada. «Se avessimo continuato con il nostro gazebo fino a sera – ha spiegato riferendosi alla raccolta firme della scorsa domenica – avrebbero firmato pure i neonati. E chiaro che a Grantorto la moschea non la vuole nessuno». E poi ancora: «Mi è parso chiaro il parroco don Luigi Dalla Bona quando ha dichiarato che saremo pronti ad aprire una moschea quando sarà assicurata la reciprocità nei paesi d’origine dei musulmani». Ma il «problema», se di problema si può parlare in questo e tanti casi simili sempre più frequenti, in Veneto come nel resto d’Italia, non è risolto. Semmai è stato solo spostato. L’associazione guidata da Abderrahim Benabid sarebbe infatti già pronta a guardarsi attorno per trovare altri spazi nell’alta padovana. Escludendo Grantorto per ovvie ragioni, Cittadella (almeno fino a quando Bitonci sarà sindaco) e Carmignano di Brenta (dove il gruppo ha già una sede: «Il sindaco e le forze dell’ordine sanno che qui ci siamo sempre comportati bene» aggiunge Benabid) ogni Comune potrebbe essere quello buono. Ma anche in questo caso lo «spettro-Bitonci» torna ad agitarsi: «Nell’alta padovana, una moschea, di certo, non la si farà mai». Riccardo Bastianello
01 marzo 2011

di Andrea Di Sorte
Più di qualcuno in queste ore grida al 1993 e se esaminiamo i fatti in maniera superficiale si può provare a tracciare una analogia: lancio di monetine (’93 Hotel Raphael, ’11 Montecitorio), inchieste in corso (’93 Tangentopoli, ’11 Rubygate), ‘incazzatura’ popolare (’93 anticraxiani, ’11 antiberlusconiani) e usi e costumi (’93 si rubava per il partito, ’11 si ‘ruba’ per se stessi, vedi casa Montecarlo).
Minimo comun denominatore con allora: clima generale di antipolitica. Un sentimento diffuso verso le istituzioni che non riescono a dare risposte ai problemi reali del Paese. E infatti oggi come nel 1993 siamo ancora incapaci di risolvere le “non emergenze”, ovvero di programmare il futuro di questo paese sotto ogni punto di vista: infrastrutturale, sociale ed economico.
Prendiamo ad esempio la Salerno Reggio Calabria, un tratto autostradale iniziato nel 1964 ed ancora oggi in lavorazione. A Shezhen in Cina hanno realizzato una parte del loro porto (il quarto più grande del mondo) in meno di un anno. In Italia si risolvono (insegnamo al resto del mondo) solo le emergenze, che grazie a Berlusconi riescono a risollevare i disastri provocati dalla natura (L’Aquila) o da malgoverni locali (Napoli o Messina).
Le riforme stentano a realizzarsi, e quelle che si realizzano sono frutto di sacrifici disumani di alcune persone come il Ministro Gelmini per la riforma della scuola o Calderoli per il Federalismo Municipale. Ma la colpa di chi è? Alla gente, quella accumunata dal denominatore dell’antipolitica, non importa se l’opposizione italiana sia negazionista ad ogni proposta della maggioranza o che Berlusconi sia troppo concentrato sull’eliminazione della casta giudiziaria. La gente ha bisogno di vedere cose concrete. Cose che purtroppo non potranno palesarsi nel breve termine, poiché le riforme vere hanno tempi di realizzazione molto lunghi e nel periodo iniziale non hanno un impatto percettibile dalla maggioranza dei cittadini. Per cui oggi, ad esempio, il cittadino italiano che non vede cambiamenti imminenti con il Federalismo Fiscale, genera un’insofferenza intrinseca così forte che poi sfocia in malessere pubblico.
Ma tra questo malessere e dire che il 1993 è vicino c’è un abisso. Un conto è l’insofferenza dei molti: arrivare a fine mese, avere un futuro chiaro, un lavoro stabile, agire nel pieno rispetto delle regole. Un altro conto è la rivolta popolare che tangentopoli portò con se. Benché il comun denominatore sia lo stesso le due epoche storiche sono diverse, assai. Non bisogna confondere il popolo viola con il popolo italiano.
E perché il risultato finale non sia identico e la fine di una classe dirigente dietro l’angolo, occorre cambiare atteggiamento nei confronti di chi sta manovrando tutto il teatrino: la magistratura. Fa bene la maggioranza ad avere un atteggiamento duro con la casta giudiziaria, perché nel 1993 per cedere alle richieste dei giudici molte persone innocenti furono uccise moralmente. Questo non possiamo permetterlo, dunque: riforma della giustizia avanti tutta.
On. Lillia D’Ottavi, Latina, Italy,
and Congressman Guarini
at NIAF, Washington DC, October 2010.
MORATTI

Leave a Reply

Positions by Seo-Watcher

Optimized by SEO Ultimate